none_o


In questo nuovo articolo di Franco Gabbani viene trattato un argomento basilare per la società dell'epoca, la crescita culturale della popolazione e dei lavoratori, destinati nella stragrande maggioranza ad un completo analfabetismo, e, anzi, il progresso culturale, peraltro ancora a livelli infinitesimali, era totalmente avversato dalle classi governanti e abbienti, per le quali la popolazione delle campagne era destinata esclusivamente ai lavori agricoli, ed inoltre la cultura era vista come strumento rivoluzionario. 

. . . altrimenti in Italia tutto il potere centrale .....
Sei fuori tema. Ma sappiamo per chi parli. . .
. . . non so se sono in tema; ma però partito vuol .....
Quelle sono opinioni contrastanti, il sale della democrazia, .....
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
Nei tuoi occhi languidi
profondi, lucenti
piccolo mio
inestimabile tesoro
vedo il futuro
il tuo
il presente
quello del tuo babbo
il passato
quello .....
Nel paese di Pontasserchio la circolazione è definita "centro abitato", quindi ci sono i 50km/ h max

Da dopo la Conad ci sono ancora i 50km/ h fino .....
 0
Sono disponibili 18487 articoli in archivio:
 [1]  ...  [725]   [726]   [727]   [728]   [729]   [730]   [731]  ...  [740] 
AVVERTENZA: In caso di risposta a un articolo già presente nel forum, si invita i lettori ad usare il comando RISPONDI. Usando questo comando la risposta dell'utente ottiene una maggiore visibilità, perchè viene collocata automaticamente in due spazi diversi. Viene inserita infatti 1) nella prima pagina del forum in successione temporale, come tutti gli altri interventi; 2) viene inserita anche nel riquadro dei DIBATTITI IN CORSO, dove gli articoli rimangono un tempo maggiore.
Il primo lettore che risponde a un tema già presente nel forum e adopera il comando RISPONDI attiva automaticamente un dibattito. Il comando RISPONDI consente di sviluppare dibattiti su temi specifici.
In risposta a: del
ripetitore
AUTORE: massimo
email: -

5/11/2010 - 19:23

URGENTE
Il sindaco ha appena messo sulla pagina di fb:ANTENNA:
LUNEDI' SOSPENSIONE DEI LAVORI. Messa insicurezza la parte elettrica
del cantiere, lunedì saranno sospesi i lavori d'installazione
dell'antenna per la telefonia mobile a Marina di Pisa. Abbiamo chiesto a
Wind la disponibilità per una diversa collocazione, perché quella
...autorizzata dagli uffici delle diverse amministrazioni competenti appare a tutti sbagliata

ho appena appreso che il sindaco di Pisa ha chiesto la sospensione dei lavori a Marina di Pisa dopo soli due giorni dall'inizio delle proteste.
a vecchiano il nostro signor sindaco ci scrive sui giornali che non puo pagare le penali e che va bene cosi.
non ho parole . CHE VERGOGNA ( il Sindaco di Pisa è un grande... almeno ci prova QUI NEANCHE SI FA VEDERE)
----------------  RISPONDI





In risposta a: Cosa ne pensa l'assessore? del 4/11/2010 - 17:21
per chiarire
AUTORE: Graziano Pardini
email: -

5/11/2010 - 17:24

Assicuro tremendo nessuna velleita'di poltrone i comunisti non vanno piu di moda siamo una razza in estinsione !Detto cio'mi pareva giusto citare IKEA E Migliarino, perche' un Assessore provinciale non puo' avere due pesi e due misure, visto il suo presenzialismo in materia di ambiente e paesaggio, attraverso convegni e dichiarazioni ufficiali anche su La Voce del Serchio.Ritengo legittimo potergli chiedere un parere di impatto ambientale e qualita' della vita.Al sign Peruzzi dico che ho chiesto chiarimenti anche all'assessore Comunale Chicca Francesco e le perplessita' che avevo sono rimaste.Caro Peruzzi,la centralita' per me e' il lavoro che da dignita' alle persone,quindi le sue accuse non mi toccano,preferisco essere patetico piuttosto che una "mosca cocchiera" di falsi paladini dell'ambiente dalla pancia sempre piena .
----------------  RISPONDI





In risposta a: Legga tutto sarchiapone del 4/11/2010 - 16:00
siamo messi così male?
AUTORE: simone7002
email: [protetta]

5/11/2010 - 16:33

Caro Giovanni,
leggendo il forum mi convinco sempre di più che, con le opinioni diffuse, noi non come Paese non saremo in grado di cavalcare la ripresa economica.
Ma come si può prospettare un futuro lavorativo basandosi sul pubblico impiego (che stà ripiegando sempre più) o su un posticino come commesso presso un centro commerciale, l'ennesimo in zona, in grado solo di deturpare il territorio e l'ambiente, generando qualche posto qui e inevitabilmente togliendolo un po' più in là, ma neanche tanto più in là, in quanto tra Vecchiano e San Giuliano vi sono diverse attività nel settore dell'arredamento, già in difficoltà che altro non aspettano che la concorrenza di una multinazionale per capitolare definitivamente.
Il bello è che il lavoro non manca, o meglio, abbiamo nella sola capitale tanti avvocati quanti ne ha l'intera Francia, ma arranchiamo nel reperire idraulici, elettricisti, falegnami, imbianchini, muratori, fabbri, meccanici, elettrauti, contadini di professione, sarti, calzolai, persino l'arrotino lo si trova solo nelle rievocazioni storiche o nei mercatini d'antiquariato, non so se sono stato esaustivo, certamente ho tralascito altre professionalità perse per sempre o regalate ai soliti extracomunitari,definiti indegnamente ladri di lavoro italico ma certamente più intraprendenti, coraggiosi e volenterosi dei nostri pappamolle di figli rincoglioniti tra grandi fratelli e playstation.
non me ne voglia, la saluto,
Simone
----------------  RISPONDI





In risposta a: Sconcerto del 5/11/2010 - 13:44
Il'ga tornà?
AUTORE: Armida
email: -

5/11/2010 - 15:55

Zz....Zz....Zz....Zz.....!
(si vede che leggi, bravo!)
----------------  RISPONDI





In risposta a: al sermione (sermone) del 5/11/2010 - 12:49
CI PUOI RIUSCIRE...
AUTORE: SERMIONE
email: -

5/11/2010 - 15:55

sei completamente fuori strada e poco informato... stai a galla, ma devi immergerti!!! Costa fatica, lo so... ma poi si esprimo concetti molto più sensati. Fidati!!!
----------------  RISPONDI





In risposta a: del
seguito annotazione caso ruby
AUTORE: antonio alfiero
email: -

5/11/2010 - 15:37

ho letto il seguito dell'annotazione dei colleghi milanesi a disposizione a questo indirizzo:
forum.politicainrete.net/movimento-cinque-stelle/85951-il-verbale-di-polizia-dellaffaire-rub

comunque con il sorriso allego il copia incolla...

Oggetto: Seguito d’Annotazione relativo all’intervento effettuato in data 27.05.2010 ove si è provveduto ad accompagnare presso gli uffici della locale questura tale: XXXXXXXXX Karima, nata in Marocco il 01.11.1992,



I sottoscritti Agenti di P.G., Assistente della Polizia di Stato XXXXXXXX Capo equipaggio della Volante denominata XXXXX Bis 4° Turno e Agente della Polizia di Stato XXX XXX XXXXXXXX
informano lo S.V. di quanto segue:
in data 27.05.2010 alle ore 22.25 circa, questo equipaggio su disposizione della locale C.O. si portava presso gli uffici del Commissariato di P.S. Monforte Vittoria, per procedere all’accompagnamento e al fotosegnalamento presso il locale G.P.R.S. della persona in oggetto meglio generalizzata e successivamente provvedere all’affido della stessa ad una struttura protetta per minori, come deciso dal P.M. di turno dei minori contattato telefonicamente dall’Assistente della P. di S.XXXXXX E. che aveva proceduto all’identificazione della minore in Corso Buenos Aires 23. Questa unità operativa, dopo aver preso in carico la minore con i relativi atti di p.g. redatti dal personale della volante Monforte bis 1° turno, presso gli uffici del Commissariato in intestazione, si portava presso l’ufficio coordinamento della locale Questura per chiedere delucidazioni in merito.


Qui, l’Assistente della P. di S. XXXXXX XXX prendeva contatti con il Commissario Capo della Polizia di Stato Dott.ssa XXXXX XXXX, la quale riferiva, che a seguito di intervento della volante Monforte bis l° turno, la minore su indicata aveva a carico una denuncia di scomparsa e quindi questa unità operativa avrebbe dovuto procedere al fotosegnalamento della minore e provvedere (tramite centralino questura) alla collocazione della ragazza presso una struttura di accoglienza per minori.


Sempre a dire della Dott.ssa XXXXX G., data l’ora tarda (23.40 circa), nel nel caso in cui non ci fosse stata la disponibilità di ricevere la minore da parte di una struttura adeguata, la ragazza sarebbe stata ospite presso gli uffici della locale questura, in attesa di essere affidata l’indomani mattina mediante altro personale, a una struttura per minori; disposizione che la Dott.ssa XXXXX G. aveva impartito agli operanti a seguito di colloquio telefonico che in precedenza, l’Assistente XXXXXX E. aveva avuto col P.M. di turno dei minori. Quindi, l’Assistente della P. di S. XXXXXX XXXX provvedeva ad effettuare tramite centralino questura (Dagli apparecchi telefonici degli uffici della terza sezione UPG-Questura), un giro di telefonate presso le strutture di accoglienza per minori per provvedere alla collocazione della giovane donna, ma riceveva risposta negativa da parte di quest’ultimi, poiché al momento delle chiamate, il personale di turno delle varie strutture contattate, riferiva che poteva dare ospitalità solo a ragazzi e non a ragazze in quanto non vi era altro personale che poteva provvedere alla sistemazione e alla sorveglianza della giovane donna. Durante tali fasi, l’Agente XXXXXXXX XXXXX XXXXXXX unitamente alla ragazza in oggetto indicata si portava presso gli uffici del locale GPRS dove venivano effettuati i rilievi fotografici e dattiloscopici da parte di personale specializzato a carico della stessa. Durante l’ultima telefonata, l’Assistente XXXXXXXX M. veniva raggiunto di gran corso presso gli uffici della terza sezione Upg, dal Commissario Capo della P. di S. Dott.ssa XXXXXXX G., la quale riferiva di aver ricevuto una comunicazione telefonica da parte del Capo di Gabinetto della locale Questura Dott. XXXXX, dove si doveva lasciar andare lo minore e che non andava fotosegnalata.


L’Assistente XXXXXXXX XXXX nel raggiungere il collega l’Agente XXXXXXXXXX le, chiedeva spiegazioni alla Dott.ssa XXXXXXX G. in merito a quanto riferitogli, il Commissario Capo riferiva che detta telefonata le era pervenuta da parte del Capo di Gabinetto che a sua volta era stato contattato telefonicamente da parte della Presidenza presso il Consiglio dei Ministri dove era stato specificato che la ragazza fermata era la nipote del Presidente MOUBARACH e che quindi doveva essere lasciata andare.

Quindi, gli operanti unitamente alla minore e al Commissario Capo Dott.ssa XXXXXXX G. si portavano presso gli uffici del locale coordinamento dove ad attenderci vi era l’Ispettore Superiore XXXXXXX XXXXXXX. Arrivati nell’ufficio coordinamento, la Dott.ssa XXXXXX G. continuava a ricevere numerose telefonate da parte del Capo di Gabinetto che sollecitava il rilascio della giovane donna, poiché aveva già dato comunicazione al personale presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri dell’avvenuto rilascio della ragazza, inoltre giungeva tramite il centralino del corpo di guardia della locale questura, comunicazione che all’ingresso della questura erano giunte due amiche della minore e cioè la signora


Nicole MINETTI, Consigliere Regionale della Regione Lombardia con incarico presso lo Presidenza del Consiglio dei Ministri e l’inquilina della minore tale COINCECAO SANTOS OLIVEIRA Michele nata in Brasile il 03.05 1978 res.te a Milano in via XXXXXXX 19, che chiedevano un colloquio con gli operanti per conto della minore.
Successivamente si prendevano contatti con lo signora MINETTI N. e l’inquilina della minore, alle quali si spiegava cosa era accaduto e cosa era stato disposto dal P.M. dei minori, la signora MINETTI N. si offriva di prendere in affidamento la minore e di provvedere per ogni necessità a carico della stessa, consapevole delle conseguenze giuridiche in caso di non ottemperanza agli oneri dell’affidatario. Dal controllo ai terminali CED/SDI effettuati in precedenza dalla pattuglia Volante Monforte Bis 1° turno si evinceva che la minore risultava avere a suo carico una denuncia di scomparsa da parte dei suoi genitori e di personale di una comunità per minori di Messina dove la ragazza era stata in precedenza ospite in quanto in passato aveva avuto dei problemi di natura familiare col padre; inoltre nel terminale CED/SDI, risultavano dei passaggi successivi alla denuncia di scomparsa, dove si evinceva che lo ragazza era stata fermata dai carabinieri e addirittura lo ragazza aveva sporto anche una querela, quindi nessuno aveva ritirato dal CED/SDI lo denuncia di scomparsa.


Si precisa che l’Assistente della P. di S. XXXXX F. aveva contattato telefonicamente il personale della comunità e quest’ultimi gli avevano detto che un inno fa circa, erano stati contattati telefonicamente dai Carabinieri che avevano chiesto delucidazioni sulla denuncia di scomparsa poiché avevano trovato la minore e di non avergli in seguito più fornito altro tipo di informazione. Gli operanti chiedevano alla Dott.ssa XXXXX G. se il P.M. di turno dei minori era stato informato della nuova situazione e cioè del fatto che lo ragazza era la nipote del Presidente MOUBARACH e che lo signora MINETTI N. si era resa disponibile a prendere in affidamento la ragazza in oggetto indicata. La Dott.ssa XXXXX G. chiedeva ai sottoscritti di contattare il P.M. per spiegare quanto era emerso, quindi l’Assistente della P. di S. XXXXXXX contattava telefonicamente il P.M. di turno spiegando cosa era emerso dal contenuto delta telefonata ricevuta dalla Dott.ssa da parte del Capo di Gabinetto della Questura. Il P.M. disponeva comunque l’affido della minore ad una comunità o la contemporanea custodia della minore presso gli uffici della Questura in attesa di essere data l’indomani mattina ad una comunità. L’Assistente della P. di S. XXXXXX M. comunicava alla Dott.ssa XXXXXX G. disposto dal P.M. e lo Dott.ssa XXXXX G. contattava telefonicamente il P.M. E aggiungeva il seguente accordo, e cioè bisognava avere lo copia di un documento d’identità della minore, per poi poterla affidare alla Minetti e lasciarla andare.


Data la situazione, l’Ispettore Superiore XXXXXX r. alla presenza degli operanti, della Dott.ssa XXXXX G., del Sost.to Comm.rio della P. di S. XXXXX S. e dell’lsp.re Capo XXXXX A. (Personale del coordinamento del turno notturno/montante) contattava telefonicamente personale del Commissariato di Letojanni luogo di dimora dei genitori della minore, dove presso l’abitazione di quest’ultimi veniva mandata una pattuglia della P. di S. che informava i genitori della presenza della ragazza in località Milano, inoltre la minore riferiva agli operanti, al Commissario Capo della P. di S. Dott.ssa XXXXX G. e all’Ispettore Superiore XXXXXX L., che probabilmente i suoi documenti d’identità erano in casa dei genitori poiché il padre li aveva requisiti. Sul posto i colleghi di Letojanni spiegavano lo situazione ai genitori della minore e quest’ultimi riferivano di essere già a conoscenza che la figlia era a Milano. I genitori riferivano di non avere i documenti della ragazza, pertanto i colleghi di Letojanni riprendevano regolare servizio. A questo punto, l’Assistente XXXXXX M. d’accordo con lo Dott.ssa XXXXX G. e l’Ispettore s. XXXXXX r. contattava telefonicamente la struttura di Messina dove ere stata ospite la minore, qui il responsabile riferiva di aver nell’archivio della struttura una copia dei documenti della minore, quindi quest’ultima che al momento della telefonata non era al centro ma alla propria casa, riferiva che l’indomani mattina avrebbe inviato a mezzo fax copia del documento della ragazza presso gli uffici della locale questura e del Commissariato in intestazione.
----------------  RISPONDI





In risposta a: del
extraterrestre
AUTORE: giuseppe
email: -

5/11/2010 - 15:19

io non ne posso piu di questa persona.
che badi al suo comune, al quale è tanto affezionato,e non rompa al prossimo visto che da vecchiano ci passa solo.
E BASTAAA!
----------------  RISPONDI





In risposta a: Cosa ne pensa l'assessore? del 4/11/2010 - 17:21
ma è così necessario?
AUTORE: 3mendo
email: -

5/11/2010 - 14:33

Ma è così necessario citare Ikea o Migliarino per porre l'attenzione su un problema diverso? Cosa si vuole insinuare? Mi sembra di aver a che fare con una masnada di bambini gelosi, bambini piccini, tanto piccini e tanto gelosi. Il guaio è che questi bambini hanno poi la pretesa di volerci rappresentare in qualche amministrazione locale e forse ambizioni per salire su chissà quale poltrona!
Tranquillo Pardini, nessuno vuole rubarti niente ma cerca di pensare. Non aspettare che qualcuno venga a dirti: "se vuoi Ikea fattela a casa tua", "se non vuoi il ripetitore non andare a dire che Ikea deve essere fatta un pò più in là di casa tua", cerca di usare un pò di buon senso, non guasta mai.
PS. Se qualcuno volesse rispondere, prima si rilegga bene cosa c'è scritto sopra, non sono necessarie grandi interpretazioni: si vuole solo sottolineare il cattivo gusto di associare fatti diversi per indurre in comportamenti analoghi.
----------------  RISPONDI





In risposta a: del
Qui non ci sono psicologi
AUTORE: vecchianese d.o.c.
email: -

5/11/2010 - 14:04

C'è solo gente preoccupata della situazione del paese, perchè ci vive e conosce i problemi del paese ed è preoccupata per i soggetti che sono al comune. Oltre questo si deve sentire riprendere su alcuni argomenti trattati da uno che di difinisce extraterrestre ma che a mio modesto parere è umano e mediocre.Ti dovresti occupare dei problemi che affligono il tuo comune e lasciare a noi i problemi del nostro. Avremo anche le nostre misere elezioni, ma sono nostre e non riguardano quelli come te. Dimenticavo l'antenna fattela installare vicino casa tua tanto non fa male
----------------  RISPONDI





In risposta a: del
Sconcerto
AUTORE: Pericle Peruzzi
email: -

5/11/2010 - 13:44

Sconcerta leggere interventi sulla Voce del Serchio come quelli del Sig. Graziano Pardini, che risulta anche un pò patetico, in quanto, invece di bacchettare il proprio assessore al Comune di Vecchiano, proprio con delega all'innovazione tecnogica (sic), che ha approvato senza colpo ferire l'istallazione dell'ormai famigerata antenna in zona Paduletto a Vecchiano, tenta di sviare l'attenzione dei cittadini giustamente incazzati, su di un assessore provinciale, che ha la sola colpa agli occhi di Pardini Graziano di non essere alla ricerca spasmodica, come lui, della occasione per la cementificazione del territorio vecchianese, costi quel che costi.
Meditate gente, meditate.
----------------  RISPONDI





In risposta a: del
al sermione (sermone)
AUTORE: extraterrestre
email: -

5/11/2010 - 12:49

Nome quanto mai azzeccato, però stai dando una interpretazione, oggi si direbbe, faziosa del mio pensiero.
Non sono affatto d'accordo sull'ubicazione del ripetitore in questione, ma non ne conosco le caratteristiche, inoltre la telefonia mobile si è evoluta, infatti si và verso una espansione del classico telefonino per cui oggi possiamo utilizzare quella linea per internet a banda larga e più avanti per le trasmissioni televisive.
Se è vero che per telefonare basta una "tacca" questo non vale per gli altri usi.
C'è un altro aspetto, se il gestore ritiene che per coprire la zona interessata deve arrivare un segnale per cui misurandolo in "tacche" equivale a 5, ha due scelte, fare una rete di ripetitori a bassa potenza vicino alle possibili utenze o uno (o più) grande e potente che arrivi a coprire le zone interessate con la stessa intensità e capacità di trasmissione rispetto al primo caso.
Non deve essere trascurato il targhet del proprietario dell'impianto , ovvero fornire un servizio efficace, affidabile e competitivo.
Il risultato sarebbe quello di avere una zona vicina all'antenna con forti esposizioni a radiazioni, che interessano un raggio maggiore, col rischio di coinvolgere una certa quantità di ubicazioni, magari, in ordine sparso, non concentrate, ma con gli stessi diritti vantati da quelli che oggi si lamentano e sono preoccupati, giustamente a mio parere.
Il problema non è come per l'amianto che era un materiale prodotto e brevettato da un privato che da subito sapeva dei rischi per la salute e li ha omessi volontariamente per ovvi motivi, tantè vero che i processi che si stanno celebrando si concludono per la maggiore con richieste di risarcimento a carico dei produttori di amianto e condanne penali per i loro dirigenti.
Nel caso delle frequenze il detentore della responsabilità non è il gestore ma lo Stato che autorizza l'uso dell'etere, previa concessione, a privati che le utilizzano per fornire servizi siano trasmissioni telefoniche, di dati, radiofoniche o televisive.
E' pertanto lo Stato che, nell'autorizzare l'uso di tali frequenze, deve garantire la salute pubblica attravesro studi, indagini e qualunque altra forma possibile, atta a dimostrare che tali onde non sono dannose e se lo sono disporre le dovute regolamentazioni come nel caso degli elettrodotti da lei giustamente citati.
E' ovvio che la valutazione viene sempre fatta con la logica del danno/beneficio, per cui è difficile valutare se effetivamente a lungo andare ci saranno conseguenze, lo stesso si è fatto per il fumo attvo e passivo, dopo lunghi iter si è giunti alle normative vigenti, ma lo stesso si pottrebbe fare per lo smog da traffico o per le emissioni delle caldaie domestiche ecc. ecc.
Concludendo, anche io auspico che vi sia lo spazio per spostare quella specifica antenna ma non punterei sulla questione "salute" bensì sul tema paesaggistico e sulla opportunità oggettiva di tale dislocazione.
Tanti auguri
----------------  RISPONDI





In risposta a: Legga tutto sarchiapone del 4/11/2010 - 16:00
Mengo IKEA
AUTORE: Giovanni
email: -

5/11/2010 - 8:34

Caro mengo Ikea non sarà il sogno di tutti , ma meglio che rimanere disoccupato , visto in che mondo si vive. Non rimane altro di buono è già stato mangiato tutto, per cui bisogna inventarci qualcosa perchè in comune, in provincia, e in regione..... non assumono più.
----------------  RISPONDI





In risposta a: del
tutti psicologi a Vecchiano eh?
AUTORE: extraterrestre
email: -

5/11/2010 - 0:08

Cari Massimo, Luana e quant'altri mi abbiano attribuito chicchessia interesse personale nelle vicende vecchianesi, devo deludervi.
In verità vi dico che, essendo poco extra ma molto terrestre non vivo nel comune di Vecchiano, ci passo casomai qualche periodo ma sono costantemente informato sui fatti, pertanto delle vostre misere elezioni poco mi interessa.
Avrei altri argomenti da trattare ma, visto il periodo che vivete, li definirei fuori stagione, quindi entrando nel merito delle vostre questioni qual'è il vostro programma, Ikea per tutti?, demolire tutti i ripetitori telefonici?, eliminare il parco e farci la famigerata marina di Vecchiano stile Miami? e perchè non mutare immediatamente tutti i terreni coltivabili in aree edificabili? Bello no?, sì ma poi la mamma a cui ho risposto sarebbe costretta all'ennesimo trasloco e se poi si scoprisse che in fondo raccogliando spinaci a "buo punzone" levando lavoro agli extracomunitari un si guadagna meno che a fà il commesso a Ikea col vantaggio di avere un lavoro comunque dignitoso, forse stagionale, all'aria aperta e che non comporta sfaceli per il territorio e nuovo smog da traffico (tutta salute si diceva un tempo), perchè in fondo la vocazione di quelle parti è e resta contadina e quando capirete il vantaggio di quella vocazione, forse con i nuovi aspicati da voi amministratori, sarete già sommersi da cemento e smog, un po come la canzone di Celentano, e anche se adesso gli attuali hanno indubbiamente fatto errori, quelli dei vostri saranno certamente irreversibili.
Sono abbastanza giovane ed in salute per darvi appuntamento tra 10 anni poi si vedrà, tanto io nel vostro bel comune ci passerò di tanto in tanto come adesso ma mi tengo stretto il mio con tutte le sue contraddizioni ed errori consapevole del fatto che di meglio non c'è.
----------------  RISPONDI





AUTORE: Giovanni Francesconi
email: [protetta]

4/11/2010 - 23:45

Pensiero e riflessione:

Oggi evidenzio piu' partecipazione e interesse su un argomento che colletivamente accomuna tutti, famiglie e singoli.

Otto anni fa, quando mi insediai a Vecchiano pensai di aver trovato il posto giusto dove poter creare e crescere una famiglia, per fattori legati alla

qualità e tranquillità di vita a differenza della quotidianità frenetica della città.

Sento il dovere di esternare un ringraziamento personale che parte dal Cuore di Padre di famiglia a tutti coloro che fino ad ieri erano scettici, assenti o

mal informati, oggi sono perplessi o preoccupati.

Vorrei farvi riflettere su un trafiletto spuntato fuori come per miracolo da un libro di mia figlia che frequenta la seconda elementare, in questi giorni di

......SI ........ NO............MA ........FORSE ....... e INCERTEZZE generali.

"Giustificare le nostre mancanze o ammettere una nostra difficoltà è molto difficile! In ogni caso è meglio cercare di spiegarsi che mentire"

Per i piu' intelletuali c'è anche.......

“Quando esiste una forte incertezza circa
i rischi ed i benefici di una determinata attività,
la decisione deve tendere più verso l’estremità della
...cautela per l’ambiente e per la salute pubblica”.

(David Kriebel e Joel Tickner)

Un comune Cittadino Giovanni Francesconi

GRAZIE !
----------------  RISPONDI





In risposta a: alla mamma indignata del 4/11/2010 - 16:23
Quello che dici...
AUTORE: Sermione
email: -

4/11/2010 - 20:50

... no ha senso, e ti spiego perchè. Sicuramente l'ARPAT troverà valori che rientrano nella norma. Ormai sappiamo benissimo che queste antenne agiscono sotto i valori di attenzione. Il problema è un altro: ancora la scienza e la ricerca non hanno stabilito ufficialmente che le radiazioni non ionizzanti non sono portatrici di forme tumurali. Ti ricordi l'amianto? Però poi è stato bandito perchè risultato cancerogeno. Quindi, un buon amministratore, può tranquillamente operare per cercare spazi non vicini alle abitazioni e alle residenze pubbliche per tutelare "maggiormente" la salute dei cittadini. Altro fatto: non è che siccome tutti abbiamo i cellulari dobbiamo per forza continuare a farci del male. Voglio dire: se io in una zona prendo due tacche, devo necessariamente arrivare a cinque? E' qui che sta la tutela, è qui che dobbiamo stare attenti alla proliferazione delle antenne se non propriamente necessario. Poi: gli elettrodotti appartengono ad altre frequenze (50Hz), che hanno tutta un'altra legislazione e dove sono contenute, chiaramente, distanze e circostanze precise, in quanto, contrariamente alle radiofrequenze medio/alte (telefonia mobile), queste fanno male. Credo che tu, invece di fare di tutta l'erba un fascio, ti informi meglio.
----------------  RISPONDI





In risposta a: del
acqua alla gola
AUTORE: Massimo
email: -

4/11/2010 - 20:16

Si nota molto bene che gli attuali amministartori sono con l'acqua alla gola, gli interventi dei pochi simpatizzanti (o forse uno solo?)attaccano e basta senza proporre nulla di concreto, programmi non ne presentano hanno raggranellato solo fallimenti negli ultimi 20 anni ancora più evidenti dovuti all'incapacità dei primi cittadini e di chi li ha coadiuvati. Adesso siamo ad bivio importante alle prossime elezioni o continuiamo a essere autolesionisti o si cambia.
----------------  RISPONDI





In risposta a: del
perche cambi nick?
AUTORE: Luana
email: -

4/11/2010 - 20:09

Sarchiapone, mengo, extraterrestre, perchè continua a cambiare nick,sta strumentalizzando un argomento sui molti che ho citato, pensa così di far credere ai lettori di essere in molti a scrivere? Sono piccolezze a cui non ricorrerei. Si confronti con tutti sui problemi del comune. Il sindaco e desaparecido e per avere un appuntamento passano mesi, ha forse paura di spiegare tutti i danni che hanno fatto? Adesso faccia un intervento con un altro nick a cui preferisco non rispondere.
----------------  RISPONDI





In risposta a: Legga tutto sarchiapone del 4/11/2010 - 16:00
sarchiapone e c.= uno solo
AUTORE: uno di migliarino
email: -

4/11/2010 - 19:27

smetti di polemizzare con una signora cha ha detto la verità , compreso Ikea, e anche se ti rode tra poco andrete tutti a casa !!!!
----------------  RISPONDI





In risposta a: Legga tutto sarchiapone del 4/11/2010 - 16:00
i figli all'Ikea
AUTORE: Mengo
email: -

4/11/2010 - 18:24

Cara Luana se le prospettive che desideri per i tuoi figli sono quelle di mandarli a fare gli sguatteri all'Ikea non si direbbe che sei un mamma intelligente.
----------------  RISPONDI





In risposta a: del
Cosa ne pensa l'assessore?
AUTORE: Graziano Pardini
email: -

4/11/2010 - 17:21

Gradirei conoscere la posizione dell'Assessore Provinciale al territorio e l'urbanistica, riguardo alla installazione di una antenna di telefonia mobile nel paese di Vecchiano.Visto che tale assessore e'sempre cosi' solerte nel bacchettare tutti riguardo a paesaggio e salvaguardia del territorio,soprattutto se riguardano Migliarino e IKEA,vorrei sapere cosa ne pensa sia come impatto ambientale e sia come qualita' della vita dei cittadini .
----------------  RISPONDI





In risposta a: del
La terra non fa per te
AUTORE: Cittadino come pochi
email: -

4/11/2010 - 17:02

Extraterrestre torna su Marte!!!!
Solo a Vecchiano si può continuare a dire no a IKEA. Spero che le cose cambino, non so come si faccia a sputare su queste opportunità economiche. O è meglio andare a buo ritto e sotto l'acqua a raccogliere gli spinaci. ( Tanto per quello ci sono gli extracomunitari, non gli extratterestri vero!!!!!)
----------------  RISPONDI





In risposta a: del
In Pieno Marasma
AUTORE: Tribulus
email: -

4/11/2010 - 16:56

Di Fantoziana memoria sarei tentato di scrivere ma troppe cose contemporaneamente si accavallano e come suol dirsi non so' da che parte rifarmi.
Provero' un po' a briglia sciolta...intanto una:
"L'antenna" certo che per il povero comune di Vecchiano ci mancava anche quella, un problemino grosso come una casa che non è certo gestibile da non specialisti e anche quelli storcono il naso dato che i dubbi e le variabili in gioco sono tante. Il nostro Sindaco l'unico che dovrebbe essere per studi preparato a capire almeno le implicazioni di questo problemino apparentemente latita e commette l'errore a mio avviso di non far partecipare e decidere in maniera informata i cittadini alla collocazione di questo cavolo d'antenna e scegliere la soluzione almeno apparentemente più tranquilla.
A questo punto dovrebbe partire un trattato tecnico ma in quanti lo capirebbero? allora la fiducia diventa una cosa seria se viene supportata almeno da comprensibili esempi e questo è mancato .
Ci si potrebbe riferire a Radio Vaticana che con la sua foresta di antenne batte(termine da radioamatori) tutto il mondo con tutte le lunghezze d'onda e i tipi di modulazione possibile e con potenze di trasmissione all'antenna adeguate al tipo di trasmissione specifica (ENORMI).I cittadini nei dintorni di tale foresta artificiale si sono superlamentati e dopo misure su misure, test su test ...opinioni su opinioni.. sapete tutti come è andata a finire, hanno rivisto un pochino i limiti di attenzione e.. però i cittadini hanno avuto l'assicurazione che mai la santa sede avrebbe volutamente fatto del male ai propri figli.
Certo è vero il detto popolare che chi ce l'ha in c..lo l'ha più vicino che in casa ma un po' di saggezza avrebbe consigliato di evitare la collocazione dell'antenna in quella posizione, almeno si sarebbe salvata la faccia, ma sempre per rimanere nei detti popolari sembra che ultimamente ci sia l'abitudine di mettere il c..lo sulla pedata.
Ora è meglio che mi fermi altrimenti devo incominciare a parlare di campi elettromagnetici derivati da numerose fonti comprese le domestiche e quali sono quelli più pericolosi in funzione della distanza dall'antenna o dalla fonte.
Vi saluto
----------------  RISPONDI





In risposta a: del
ipocrisia
AUTORE: Massimo
email: -

4/11/2010 - 16:56

caro extraterrestre credo he tu sia una di quelle persone interessate e ipocrite, che pur di tutelare i propri interessi o di chi gli è caro, metterebbero i piedi in testa anche a un bambino. Stai menzionando il Veneto per gli allagamenti e Vecchiano? Qui non ci sono centri commerciali eppure il fiume è straripato e i nostri amministartori sono responsabili al pari della provincia e di chi si occupa della manutenzione, allora cosa rispondi? A Massa non vi sono centri commerciali eppure il monte è franato allora? Fai anche demagogia sull'antenna, fattela installare nel tuo giardino nvece che vicino alle nostre case, ti prenderebbe meglio anche il telfefono non trovi? A mi raccomando el prossime elezioni rivota i soliti che così facciamo una bella fine.
----------------  RISPONDI





AUTORE: luana
email: -

4/11/2010 - 16:49

Io penso che lei sia la stessa persona che si firma sarchiapone, in quanto ha preso in considerazione solo l'argomento IKEA. Ne ho menzionati altri forse anche più importanti, e lei non li ha nemmeno menzionati. Credo che anche lei sua vicino agli attuali amministratori che fanno orecchie da mercante alle problematiche più importanti. Faccia un esamino di coscienza e rifletta sull'operato di chi ci amministra.
----------------  RISPONDI





In risposta a: del
alla mamma indignata
AUTORE: extraterrestre
email: -

4/11/2010 - 16:23

Cara mamma, se è la tranquillità che cerca non può dare ragione a Luana che invoca Ikea.
Sul ripetitore di telefonia mobile si può discutere se sia opportuna l'istallazione in quel luogo ma sulle reali possibilità che emetta onde dannose alla salute aspetterei i rilievi dell'arpat prima di preoccuparmi inutilmente, del resto avrà certamente un cellulare e, statistiche alla mano se lo adopra anche alla guida, in quel caso è molto più pericoloso il suo cellulare usato in quel contesto.
In casa poi avrà un frigo, un forno a micronde un televisore, un computer, tutta roba che emette onde elettromagnetiche quotidianamente, senza parlare degli elettrodotti ad alta tensione che magari le transitano sulla testa, o lo stesso sole a mezzodì preso d'estate per la tintarella.
Come vede le fonti di irraggiamento sono molte e molte le ho trascurate, si pensi alla diagnostica o alle terapie radianti, a lei e ai suoi figli il territorio in cui vive le risparmia lo smog da traffico, lo stress da città la ipercementificazione avvenuta altrove con gravi danni idrogeologici, si pensi al Veneto di questi giorni dove avendo intensificato la realizzazione di centri commenrciali, viabilità e urbanizzazioni selvagge, sono sott'acqua ad ogni nubifragio.
Mi dirà anche noi l'altranno..., certo ma quello che è accaduto è frutto di un caso, derivato da errori di valutazione e mancate manutenzioni, lì in nome del progresso e del lavoro hanno devastato per sempre un territorio, ecco perchè Luana non ha ragione.
Per concludere le voglio raccontare una storia vera, un amico oncologo si è trovata di fronte una paziente che ha vissuto da sempre in aperta campagna, non ha mai fumato, mai posseduto un'auto e si è sempre nutrita con i prodotti del suo orto e del suo "pollaio", ebbene è deceduta per un cancro nonostante tutto, poteva morire di malattie le più disparate, invece no.
----------------  RISPONDI





Sono disponibili 18487 articoli in archivio:
 [1]  ...  [725]   [726]   [727]   [728]   [729]   [730]   [731]  ...  [740]