none_o


In questo nuovo articolo di Franco Gabbani viene trattato un argomento basilare per la società dell'epoca, la crescita culturale della popolazione e dei lavoratori, destinati nella stragrande maggioranza ad un completo analfabetismo, e, anzi, il progresso culturale, peraltro ancora a livelli infinitesimali, era totalmente avversato dalle classi governanti e abbienti, per le quali la popolazione delle campagne era destinata esclusivamente ai lavori agricoli, ed inoltre la cultura era vista come strumento rivoluzionario. 

Circolo ARCI Migliarino- 13 giugno ore 21
none_a
Di Claudia Fusani
none_a
Comune di Vecchiano
none_a
Ripetere 1000 volte la verità assoluta dei fatti con .....
. . . storia non la cambio di certo io.
La prima .....
. . . non si cambia a piacimento.
Poi vedi Mattarella .....
. . . che un disegnino ti serve un corso di lettura/ .....
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per scrivere alla rubrica: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
Tirrenia, 17 giugno
none_a
di Alessio Niccolai con Alma Pisarum APS
none_a
Villa di Corliano, 27 giugno
none_a
Pugnano, 22 giugno
none_a
Tirrenia, 15 giugno
none_a
Le cose andrebbero meglio
se non bene
se si procedesse
tutti quanti insieme. . .
rispettando modi, tempi, capacità
valorizzando le competenze .....
Nel paese di Pontasserchio la circolazione è definita "centro abitato", quindi ci sono i 50km/ h max

Da dopo la Conad ci sono ancora i 50km/ h fino .....
FINALMENTE DOMENICA!
di Ovidio Della Croce
Ulm!

11/12/2011 - 11:27

Ricordando Lucio Magri

 

Io penso ancora a Lucio Magri. Un lucido suicidio il suo. Dopo la perdita della sua compagna la sua vita non era più vita. È andato in Svizzera, accompagnato da Rossana Rossanda, e ha deciso di morire. Non ha voluto funerali pubblici né commemorazioni. Gli sembravano una doppia sepoltura. Con Lucio Magri se ne va un pezzo importante della nostra anima e mente. Era giovane, colto e bello. La cosa più importante che ha fatto da giovane è fondare il manifesto, il quotidiano comunista sempre in crisi e sempre vivo. Lo conobbi nel Pdup, di cui fu segretario. A Pisa veniva volentieri. Venne in un periodo di baruffe interne a quel partito, a vederle con gli occhi di oggi mi sembrano ridicole. Allora mi colpì una sua riflessione sulle zuffe interne alla sinistra come sintomo evidente della difficoltà di far avanzare le nostre idee politiche al di fuori dei nostri recinti. Io non lo seguii nel Pci, avevo venti anni meno di lui e mi sentivo più rivoluzionario di lui e vivo era “quello spirto guerrier ch’entro mi rugge”. La differenza di età mi sembra più corta ora che Lucio Magri è morto. Era un uomo che non aveva avuto ruoli di potere. Voleva solo che fosse ricordato il suo pensiero che in certi momenti ebbe una certa influenza. La cosa più importante che ha fatto poco prima di morire è scrivere il suo libro “Il sarto di Ulm. Una possibile storia del Pci”, dedicato a Mara, sua moglie. Leggo nell’introduzione: “Per una persona ormai anziana l’isolamento è dignitoso, ma per un comunista è il peccato più grave… ma potrebbe permettere un utile distacco. Non posso affermare ‘non c’ero’, non sapevo; qualcosa anzi l’ho detta quand’era scomodo, ho perciò la libertà di difendere ciò che non va ripudiato”.
 
Quando mi commuovo per la morte di persone con le quali ho condiviso un pezzo della mia storia mi sembra di morire un po’ con loro. Ma scatta anche il solito egoismo consolatorio pensando a quel che da vivere mi resta. E anche un po’ allucinante, se penso a quel metro del film Aprile nelle mani di Nanni Moretti: 75 centimetri la durata media della vita, 60 anni la mia età, 75 meno 60 fanno 15 centimetri; ecco questo è quello che mi resta, se tutto va bene. Però succede anche che in certi momenti penso a quello che altri possono provare davanti al mio funerale e non mi interessa tanto vedere che qualcuno poi piange davvero. Ecco che qui arriva un senso di vicinanza maggiore più con chi è morto che con chi, per fortuna sua, è ancora in vita. In questo pensiero non c’è, come credo nel suicidio di Magri, la rinuncia conseguente al fallimento politico. Delle nostre idee ci siamo un po’ scordati “in giorni bui dominati da gelide dispute di Borsa e di bilanci” (Pietro Ingrao). Ha scritto Alfonso Maurizio Jacono ricordando Lucio Magri: non abbiamo perso per le nostre idee, ma per quello che siamo diventati. La “vecchia talpa”, vivaddio (come diceva Magri), scava ancora, “ma, essendo cieca, non sa bene da dove viene e dove va”.

 
Lucio Magri ha intitolato il suo ultimo libro usando questo famoso apologo di Bertold Brecht, Il sarto di Ulm.
 
(Ulm, 1592) «Vescovo, so volare», il sarto disse al vescovo. «Guarda come si fa!» E salì, con arnesi che parevano ali, sopra la grande, grande cattedrale. Il vescovo andò innanzi. «Non sono che bugie, non è un uccello, l'uomo: mai l'uomo volerà», disse del sarto il vescovo. «Il sarto è morto», disse al vescovo la gente. «Era proprio pazzia. Le ali si son rotte e lui sta là, schiantato sui duri, duri selci del sagrato». «Che le campane suonino, erano solo bugie. Non è un uccello, l'uomo: mai l'uomo volerà» disse il vescovo alla gente. (Da Poesie di Svendborg, 1934).
 
Il sarto si lanciò e ovviamente si spiaccicò sul selciato. Tuttavia - commenta Brecht -  alcuni secoli dopo gli uomini riuscirono effettivamente a volare.

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

18/12/2011 - 23:19

AUTORE:
antonietta timpano

Questo scritto è veramente bello!

Mi fa pensare all'idea del 'compimento'. La vita nostra dura finchè ogni 'mission' che ci proponiamo non sia arrivata a compimento. La durata del percorso è in stretto collegamento con la messa in opera dei nostri progetti.
Bello come pensiero e come AUGURIO , no?
Caro Edy, anche io ho amato Lucio Magri e lo amo tutt'ora, anche grazie a te, che essendo un pò più grande, sei stato nostro maestro. Il tuo arrivo a Molina , con Enrico , il Barbuti , il Chericoni, per noi molinesi fu importante. Giungeste a Molina sospinti da un vento politico che portava informazione, vivacità di pensiero e di azione.
Saluto con una pausa ............di silenzio il grande Lucio Magri.

Torno invece a parlar brevemente di dissolvenze, di trasformazioni, di passaggi, di morti. E subito penso al bellissimo racconto di Tolstoy dal titolo "La morte dell'albero", il quale nel momento in cui si vede abbattere , gioisce all'idea che la sua morte possa servire a lasciare lo spazio per nuove , giovani piante e a far passare la luce ad illuminare il bosco.
Che bello sarebbe avere il coraggio, la forza, la lucidità morale per vivere la nostra fine come funzionale alla creazione di spazio e luce per chi resta!!
Sarà sufficiente una vita per imparare a non aver paura?

15/12/2011 - 11:52

AUTORE:
ricordo affettuoso

anch'io ricordo con affetto lucio magri

11/12/2011 - 18:53

AUTORE:
P.G_

Tranquillo Ovidio, so che sei in buona salute.
Per fortuna tua (e anche mia che ti sono avanti )la vita media sta sfiorando gli 80 (le donne però ci fregano alla grande!).
Quindi potresti averne ancora una 20ina e più di centimetri davanti a te.
Il numero non è indifferente ma la cosa più importante è che questi centimetri vengano vissuti.
Vissuti bene e con intensità e impegno, come tu stai facendo.
Un caro saluto G_

11/12/2011 - 12:29

AUTORE:
Andrea

Sono convinto che l'analisi di Magri, in questa difficile fase in cui il pensiero unico liberista sta opprimendo quello politico, sarebbe stata preziosa. Un libero pensatore che ci avrebbe aiutato ad uscir fuori dalle nebbie della crisi del capitalismo finanziario.
Il volo del sarto mi ricorda l'utopia che anche Gaber riprende in "qualcuno era comunista" nel passaggio finale quando dice che ci hanno tolto le ali, per volare e sognare una società diversa.
Grazie Edi per aver ricordato il compagno Magri e la sua profonda umanità.