none_o


In questo nuovo articolo di Franco Gabbani viene trattato un argomento basilare per la società dell'epoca, la crescita culturale della popolazione e dei lavoratori, destinati nella stragrande maggioranza ad un completo analfabetismo, e, anzi, il progresso culturale, peraltro ancora a livelli infinitesimali, era totalmente avversato dalle classi governanti e abbienti, per le quali la popolazione delle campagne era destinata esclusivamente ai lavori agricoli, ed inoltre la cultura era vista come strumento rivoluzionario. 

. . . . . . . . . . . a tutto il popolo della "Voce". .....
. . . mia nonna aveva le ruote era un carretto. La .....
. . . la merda dello stallatico più la giri più puzza. .....
. . . ci siamo eruditi, siamo passati da Rametti a .....
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per scrivere alla rubrica: spaziodonnarubr@gmail.com
Pisa, 24-27 giugno
none_a
Tirrenia, 17 giugno
none_a
di Alessio Niccolai con Alma Pisarum APS
none_a
Villa di Corliano, 27 giugno
none_a
Pugnano, 22 giugno
none_a
Le cose andrebbero meglio
se non bene
se si procedesse
tutti quanti insieme. . .
rispettando modi, tempi, capacità
valorizzando le competenze .....
Nel paese di Pontasserchio la circolazione è definita "centro abitato", quindi ci sono i 50km/ h max

Da dopo la Conad ci sono ancora i 50km/ h fino .....
Qui di seguito la lettera aperta dell'assessore provinciale Anna Romei al Presidente del Consiglio Matteo Renzi.
"Basta Matteo: è insopportabile sentirsi trattare da malfattori"

26/3/2014 - 12:38

    "Basta Matteo: è insopportabile sentirsi trattare da malfattori" 

Caro Matteo, sta sereno, avrebbe detto la mia nonna, perché vedrai che quel che è fatto è reso.Non mi riferisco soltanto al come ti sei avvicendato a Letta, ma al modo sprezzante, ingeneroso e privo di rispetto col quale tratti delle Province e dei suoi Amministratori.Io sono un’assessora della Provincia di Pisa e dico BASTA.

E’ insopportabile sentirsi trattare da malfattori, da ladri di indennità, da persone inutili che finalmente “sentono il profumo del tornare a lavorare”, che possono essere  mandate via a calci perché non hanno prodotto niente.Non sto discutendo sulla necessità di rivedere, riformare, riorganizzare il territorio, sto denunciando il modo offensivo e ipocrita con cui tutto questo viene fatto da te, dal tuo staff, dal partito per ignavia e trasversalmente anche dagli altri.

Chiedo a te che sei stato anche Presidente della Provincia di Firenze, ma che razza di Presidente sei stato, che lavoro hai fatto, se quello che fai emergere delle attività delle Province è il nulla?

Probabilmente avendo usato quell’esperienza solo come il vero  trampolino di lancio della tua  carriera politica non puoi averne buona memoria e ti regoli di conseguenza.

Chiedo a te che sei anche il Segretario di quello che, ancora  per oggi, è il mio Partito, non dovresti riconoscere e rispettare il lavoro politico e amministrativo dei tanti Amministratori che come me  lo hanno  fatto provando a migliorare le cose in una situazione  data?

Scrivo tutto questo evidenziando che la mia esperienza amministrativa alla Provincia di Pisa, sarebbe terminata con questo mio secondo mandato, non sto, quindi, difendendo o  rimpiangendo niente di personale, sto difendendo la dignità  del lavoro di questi anni mio e di molti miei colleghi.

Torno al mio lavoro, quello che forse mi farà avere la pensione, con la consapevolezza che una forte passione politica e un grande impegno civile, non potranno essere spente né da Te col tuo modo di fare, né dal nuovo corso del Partito,  perché  sono  parte di me, della mia storia, della mia vita.

Ma come diceva la mia nonna, quel che è fatto è reso, dunque sta sereno, perché è scritto nella storia degli uomini, che sicuramente qualcuno nel tempo ti tratterà allo stesso modo, col quale stai trattando noi.Assessore Anna RomeiAssessore con delega al lavoro, formazione, welfare, associazionismo e terzo settore, pari opportunità.

 




Fonte: Ufficio stampa Provincia di Pisa
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

26/3/2014 - 20:59

AUTORE:
sergio toncelli

Come diceva qualcuno, di notte tutte le vacche sono nere, e Anna Romei ha ragioni solari e non notturne da vendere. I giudizi, massimamente quelli politici, dovrebbero basarsi su analisi precise. Altrimenti si parla di nebbia al bar, e il sonno della ragione genera mostri (come diceva un altro saggio). Però, fatto salvo lo scatto di giusto orgoglio della Assessora che, a prescindere dal suo operato, ai nostri occhi è già meritorio per lo smarcarsi dal comodo "dagli all'untore", sappiamo che la storia non si ripete mai uguale, ragion per cui se ne faccia una ragione: difficilmente la saggezza della nonna si avvererà! Nondimeno, in un modo o in un altro finirà anche il ciclo Renzi: da non vendicativi ci auguriamo che allora il nostro martoriato Paese sia meglio di come lo abbiamo consegnato al giovanotto (cara Assessora, non se l'è mica solo rubacchiato!). E qui sì che entra il discorso sul partito... ma basta nebbia al bar! Non solo il "punto e a capo": proprio un altro film!
Analisi serie, proposte serie: ancora più insopportabile è non avere LAVORO né dignità!