none_o


A Pisa quest'anno ricorre il settantacinquesimo Anniversario della Liberazione da parte delle truppe alleate (2 settembre 1944): settantacinque anni non sono ancora un tempo remoto, tuttavia è esperienza comune che molti pisani - giovani e meno giovani per non parlare di quelli “d’adozione” - sembrano aver gettato nel dimenticatoio collettivo le memorie dei loro nonni.

Arpat Toscana
none_a
Migliarino
none_a
Pubblica Assistenza Migliarino
none_a
Sistena Nazionale per la Protezione dell'Ambiente
none_a
. . . . Sarvini e Dimaiol, compreso la senatrice Taverna .....
Purtroppo, tutto quello che serve a screditare l'avversario .....
. . . . . . . . . . . nell'immediato dopoguerra a .....
Dispiace vedere che la Voce pubblichi commenti imbecilli .....
Pisa Libreria Feltrinelli 29 marzo
none_a
Cinema Lumiere
none_a
Pisa, Presentazione del libro
none_a
Il Fortino,Marina di Pisa,23 marzo
none_a
Pontasserchio, 22 marzo
none_a
Vecchiano 29 marzo
Progetto Libri
none_a
Calci, 23 marzo
none_a
none_a
  • Circolo ARCI Migliarino

      Partite Pisa A.C.

    Si avvertono i Soci che il Circolo trasmetterà in chiaro tutte le  partite dell'Associazione Calcio Pisa, sia in casa che in trasferta. Prossima partita Piacenza-Pisa domenica 30 settembre. 


  • Circolo ARCI Migliarino

      Cercasi operatori

    Il  Circolo ARCI Migliarino che gestisce la Ludoteca Comunale in versione estiva presso l'Oasi Dunadonda cerca personale qualificato per il perido di luglio e di agosto. Gli interessati possono inviare una mail alla posta del Circolo   arcimigliarino@gmail.com. Vedi sotto.


  • ALLA CITTADINANZA DI MIGLIARINO

      04 MAGGIO 2018, alle ore 18.30
    AVVISO DI ASSEMBLEA


    Il comitato A.S.B.U.C. di Migliarinoinvita tutti i cittadini della frazione a partecipare all’assemblea indetta presso la nuova sede ASBUC in via S. D’Acquisto n. 1 in Migliarino:     in prima convocazione per il giorno 30 Aprile 2018 alle ore 12.00,   in seconda convocazione per il giorno 04 MAGGIO 2018, alle ore 18.30


Val di Serchio
none_a
2018/2019 fase interprovinciale.
none_a
Pappiana
none_a
Pisa Beach Soccer
none_a
Nel germoglio di un'amore
C'e' il sorriso
della vita
Ed il tremito dei sensi
Che prelude a nuovi voli

E' la
danza di una fiamma
Che accarezza .....
. . . . . . . . . . . . . . un fatto accaduto quando andavo ancora alle elementari e che ricordo ancora molto bene. . . . . . Ebbene nell'ultimo banco .....
SGT verso le elezioni amministrative
Articolo di MARCELLO MASINI candidato a Sindaco di SGT

13/3/2019 - 12:47

MARCELLO MASINI: "E' ARRIVATO IL TEMPO DEL FARE, LE CHIACCHIERE SIG. SINDACO STANNO A ZERO. SEI ESERCIZI CHIUSI NEGLI ULTIMI TRE ANNI IN PAESE. E NON E' UN CASO"
PISA 

 

- L'Associazione il Comune fra la Gente per mano del suo presidente Sandra Cocchi e il candidato a Sindaco della lista civica Dott. Marcello Masini nel pomeriggio di martedì 12 marzo hanno visitato gli esercizi chiusi a San Giuliano Terme negli ultimi tre anni, anche per replicare ai dati forniti a mezzo stampa dal Sindaco Sergio Di Maio sulla macchina comunale che a suo dire funziona bene.
"Ahimè non l'avremo voluto fare perché la maggior parte delle persone della nostra lista civica vive nel Comune di San Giuliano o come me in paese - afferma il Dott. Marcello Masini, candidato a sindaco alle prossime tornate amministrative a San Giuliano Terme - e vorrebbe che tutto andasse bene e che San Giuliano, città termale conosciuta anche oltre confine fosse un paese in crescita, ma purtroppo negli ultimi due anni le cose non  vanno come il Sig. Sindaco Sergio Di Maio racconta alla stampa, perché la realtà è ben diversa e noi l'abbiamo voluta sottoporre all'attenzione della gente, perché non ce la sentiamo più di essere presi in giro. Purtroppo negli ultimi tre anni sono chiusi ben sei esercizi commerciali a partire dall' alimentari Fratelli Gneri. Da lì a poca distanza, c'era un attività di restauro di mobili antichi anch'essa chiusa ed ora c'è la sede del Movimento a 5 Stelle. In Largo Shelley c'era un negozio di fiori e addobbi floreali e ora ha chiuso. Prima dell'ingresso alla Baracchina ha chiuso i battenti l'osteria Pane e Vino.  E questo è solo l'inizio, visto che nella Via Statale Abetone accanto all'edicola, c'era il Bar "Il Ponticello", che negli ultimi mesi aveva ospitato anche molte conferenze. Anch'esso ha tristemente abbassato la serranda. Se ci spostiamo di qualche centinaio di metri all'interno del Parterre di San Giuliano, la Baracchina di proprietà a metà tra Regione e Comune è tristemente chiusa. Quindi la situazione a San Giuliano Terme non è così rosea come il Sig. Sindaco Sergio Di Maio vuol far credere ai cittadini - continua il Dott. Marcello Masini - io ho fatto politica nel vecchio PCI, quando il Sindaco Di Maio era ancora in fasce, ne ho viste tante. Ora basta, adesso è arrivato "il tempo del fare", il tempo delle chiacchiere e delle promesse è terminato. Invito il Sindaco Di Maio invece di fare tanti discorsi e proclami inutili di aprire i cantieri in Via di Palazzetto e all'Hotel Granduca altro immobile finito nel degrado più totale ed in mano ai ladri notturni e di mettere le telecamere che aveva promesso nella zona dei campi sportivi. Dalle sue promesse sono già passati due mesi. Troppe chiacchiere e pochi fatti. Anche per San Giuliano Sig. Sindaco Sergio Di Maio è arrivato il tempo del fare, le chiacchiere stanno a zero".

Fonte: Ufficio Stampa Il Comune fra la gente
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra:




14/3/2019 - 20:55

AUTORE:
Sangiulianese

Avevo già scritto di quanto erano patetiche le critiche di Masini. E ora continua sullo stesso canovaccio.
I negozi chiudono a volte per l'incapacità delle persone che li gestiscono in modo approssimativo, oppure perché i sangiulianesi proprietari dei fondi chiedono prezzi esorbitanti. Oppure ancora perché chi abita in piazza Italia e possiede i fondi non vuole il disturbo di attività commerciali, come ho potuto constatare di persona.
Ci vorrebbe il fare, ma per costringere chi tiene le saracinesche arrugginite chiuse a cedere le proprietà.
Ci vuol provare lei, dottor Masini?

14/3/2019 - 18:38

AUTORE:
Sandokan

Capisco il suo rammarico ma, come ben saprà, anche se a volte non sembrerebbe, siamo una Repubblica democratica che ammette l'iniziativa privata per tanto soggetta a vari fattori tra cui ne individuo due ma potrebbero essercene molti altri.
La crisi economica galoppante che obbliga le persone a cercare prodotti più economici che i negozi di quartiere spesso non possono praticare, da qui la forte concorrenza anche della Grande Distribuzione.
Se ha fatto caso molte realtà rurali si sono "spente" negli ultimi 20-30 anni, periodo coincidente con l'espandersi delle catene di supermecati.
Ora, in questo contesto cosa potrebbe fare un qualunque sindaco? e lei che farebbe?.
Il tempo delle chiacchiere è finito, ha ragione, ma anche il tempo delle critiche, siamo alle porte delle elezioni, servirebbero proposte.