none_o

 

La ricostruzione e il racconto con tanti ricordi, la rivolta dell'acqua questa volta non portatrice di vita ma di morte. Il pianto di una Nazione e..."al posto del campanile una scala a chiocciola", quella di Giovanni Michelucci.
 

Officine di Comunità
none_a
PUBBLICA ASSISTENZA S.R. PISA
none_a
Pubblica Assistenza Migliarino
none_a
Arpat Toscana
none_a
Non cià (senza la "h") capito niente vero? e come .....
Mi perdonerà sig. Baglini, se le rispondo dopo un .....
. . . . . . . . . . . una efficace protezione per .....
Vede caro lei, il problema non è usare uno pseudonimo, .....
Cosa fare per evitare i fastidi causati dall'acaro autunnale
none_a
Incontrati per caso
di Valdo Mori
none_a
"Io lo vedo così"
none_a
Libri ed altro.
none_a
  • AD ACCOGLIERE GLI STUDENTI DELLE SCUOLE DI CALCI MOLTI SPAZI, AULE E GIARDINI RINNOVATI

      Suona la campanella

    Mancano tre giorni all’inizio della scuola e lunedì prossimo la campanella suonerà per i tanti alunni calcesani che potranno contare su aule, spazi comuni e giardini rinnovati e più sicuri...


Il Lonfo non vaterca né gluisce
e molto raramente barigatta,
ma quando soffia il bego a bisce bisce,
sdilenca un poco e gnagio s'archipatta.
È .....
Vendo FB FB johnson 5CV buone condizioni, bicilindrico, 2 tempi, gambo corto, elica 3 pale, anni 90, marcia avanti e indietro, serbatoio esterno .....
Marina di Vecchiano alcuni giorni fa.
Le mie e le loro vacanze di Pasqua.

21/4/2019 - 17:10

Mercoledì 17, ultimo giorno di scuola prima delle vacanze pasquali, siamo andati sulla spiaggia di Marina di Vecchiano  con una sezione dei piccoli della Scuola dell’infanzia di Nodica accompagnati da tre maestre.
 
Mare è calmo? posso mettere i piedi nell’acqua? cosa fanno i trattori? perché c’è un cavallo? che conchiglia è questa e questo?  raccogliamo la plastica? perché è pericolosa? perché i pesci muoiono? possiamo fare una capanna?
 
Domande a raffica e nessun tono da moine bambinesche, tutto con una coscienza civile e di apprendimento che mi ha dato una sensazione di utilità che non provavo da anni.

Campionato di costruzione capanne, raccolta polistirolo, ricerca conchiglie diverse.

Due ore passate in un mondo meraviglioso ed amato insieme a piccoli grandi futuri amanti e fruitori del territorio.
 
Insieme a noi c’era una squadra di mezzi per la pulitura della grande spiaggia   che di lì a poco sarebbe stata invasa dai turisti, già presenti in un discreto numero.
 
Un episodio che mi ha commosso e che non ho avuto né tempo né forse voglia di fotografare per non far interferenza in quello che stava succedendo, è l’incontro di una anziana coppia di stranieri che si è fermata a guardare la scolaresca cercando di parlare un poco di italiano. Erano svizzeri del cantone tedesco e alla signora una bambina ha dato un foglio che aveva ripiegato in tasca con un disegno e che avrebbe voluto regalare alla nonna.
“Mi?”
“Sì, te lo regalo”
“Crazzie!”
E se ne è andata con gli occhi lucidi  girandosi indietro diverse volte.
 
Avrei voluto scrivere questo articolo lo stesso giorno sia per fare un regalo alla scuola sia per ringraziare il Comune di Vecchiano per l’impegno enorme che dovrà sostenere affinché la stagione scorra serena e felice in una spiaggia veramente “libera”.
 
“Come l'anno scorso, anche quest'anno, grazie ad un accordo della nostra Amministrazione Comunale con i militari che nel periodo invernale hanno in concessione l'utilizzo di parte del litorale per le loro esercitazioni, siamo riusciti ad iniziare in anticipo le operazioni di pulizia”.

Questo si legge nel comunicato che è stato pubblicato in “cronache” di questo giornale.
Ma quell’accordo significa solo che i militari han contribuito a farvi lavorare in anticipo?
Ma non sarebbe stato giusto che il ministero facesse (ribaltando i soggetti) come quando un semplice cittadino che è invitato a casa di un amico porta sempre un presente per ringraziamento?
Ma non sarebbe quindi giusto che un corpo militare che è invitato a casa di un comune si portasse via un po' di quell’ostacolo che trova e troverebbe ancora e ancora, così… tanto per ringraziamento?
 
No eh?
 
Al ritorno abbiamo incontrato un “ruzzulacacca”, anzi due e lì apoteosi dell’uscita!

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra:




22/4/2019 - 12:18

AUTORE:
Maria

umberto ( il mio Umberto) mi ha portato al mare e nel bosco
a vedere la quercia. ora ci porta mia figlia.Grazie Umberto .

22/4/2019 - 8:42

AUTORE:
Lando

Il tempo trascorso con i bambini è sempre prezioso e remunerativo, non fosse altro che per l'amore sincero che i bambini sentono e ricambiano verso le persone leali serie e competenti, sì perché loro hanno un sesto senso per chi li sa incuriosire e interessare per poi fornire risposte ai loro quesiti.
Spesso i bambini sono più responsabili degli adulti che gli gravitano intorno e le buone maniere accompagnate dai buoni esempi si imprimono per sempre nelle loro abitudini future anche se nel periodo adolescenziale sembrerebbe il contrario.
Chi con pazienza si dona ai bimbi e ai ragazzi non sprecherà mai il suo tempo e farà un enorme regalo alla civiltà!

21/4/2019 - 20:12

AUTORE:
roberta

Porta un graxie grande come una casa al signor Umberto. Questo mi ha detto un mio bambino mentre tornavamo a casa sua con lo scuolabus, e io te lo giro così come mi è stato detto e aggiungo un grazie anche da parte nostra.
Le insegnanti, sei stato prezioso come sempre.

GRAZIEEEEEEE