none_o

Tornano i concerti Musikarte del Festival Musicale Internazionale Fanny Mendelssohn. Uno straordinario viaggio musicale, iniziato sette anni fa, un appuntamento ormai classico atteso con trepidazione da moltissimi appassionati. Artisti provenienti da 20 nazioni di tutto il mondo hanno portato la loro musica e il loro talento nelle dimore storiche del Lungomonte pisano, veri gioielli del nostro territorio, nei palazzi, nei teatri, nei musei della provincia di Pisa.

. . . si perchè di bullismo se ne parla solo se succedono .....
Quasi tutti conoscono il detto "chi rompe paga ed i .....
. . . o a Migliarino martedì?
scusate sapete come è andata l'assemblea dei soci .....
Libri
none_a
Il sito degli "ARTISTI PISANI SCOMPARSI" per una significativa memoria culturale
none_a
Come Steve McCurry e l'afghana dagli occhi verdi nel 2002
none_a
Torna il 16 febbraio l’anteprima del Consorzio Vino Chianti e del Consorzio Tutela Morellino di Scansano
none_a
Vecchiano, 28 febbraio
none_a
Circolo ARCI Migliarino
none_a
Soci Unicoop-UISP e Coop.Arh
none_a
Pisa, 1 marzo
none_a
Pontasserchio, 16 dicembre
none_a
Pontasserchio 22-23 febbraio
none_a
Pisa, 22 febbraio
none_a
L'Associazione il retone-presenta
none_a
Le squadre di Valdiserchio
di Marlo Puccetti
none_a
Per gli atleti pisani 19 medaglie
none_a
Le squadre di Valdiserchio
di Marlo Puccetti
none_a
Pisa Bocce
none_a
Se fossi nata albero sarei cresciuta molto, almeno spero,

invece sono corta e mingherlina e accrescere è un mistero.

Mi è stata tolta l'occasione .....
Buongiorno, abito in Via Paganini a Colignola, quotidianamente percorro le strade bianche nelle vicinanze fino ad arrivare ad Asciano, lungo i condotti. .....
Le aree naturali protette
none_a
di Renzo Moschini
none_a
Riserva del Chiarone
none_a
L’opinione di Fulvio Giuliani
Non si sa come finirà ma il vincitore già c’è: Matteo Renzi.

18/8/2019 - 13:14

          Non si sa come finirà ma il vincitore già c’è: Matteo Renzi. 

Fino all’intervento dell’ex presidente del Consiglio nessuno poteva nutrire il minimo dubbio sul ruolo di Dominus e Deus ex Machina del leader leghista, nell’improvvisa crisi politica d’estate. Renzi l'ha costretto a controbattere, perdendo i tempi della crisi. L'opinione di Fulvio Giuliani, giornalista di Rtl 102.5

La giravolta di Ferragosto di Matteo Salvini e l’ipotesi di Di Maio premier hanno un nome e un cognome, prima ancora che una motivazione politica.

 Matteo Renzi. La mossa del cavallo, azzeccata dall’ex segretario del Pd al Senato, ha sparigliato le carte al punto da dare scacco – per ora – al Ministro dell’interno.
Fino all’intervento dell’ex presidente del Consiglio, del resto, nessuno poteva nutrire il minimo dubbio sul ruolo di Dominus e Deus ex Machina del leader leghista, nell’improvvisa crisi politica d’estate. È solo dopo che Renzi ha gelato innanzitutto il suo partito e poi il mondo politico tutto, con la proposta di alleanza con il Movimento Cinque Stelle, che Salvini si è visto costretto a controbattere, perdendo i tempi della crisi. La proposta, apparsa invero disperata, del taglio dei parlamentari non poteva che finire in un nulla di fatto e così il boccino, fino ad allora saldamente nelle sue mani, gli è sfuggito.
Renzi, però, non ha giocato solo un brutto scherzo al ministro dell’Interno, rimettendosi al centro del panorama politico. Ha anche scompaginato, forse definitivamente, le fila del Partito democratico. Perché Salvini aveva o forse ha ancora in Zingaretti un naturale alleato, verso le elezioni al più presto. Interessi convergenti, sia chiaro, nulla di più. E qui è Salvini ad avere delle carte da giocare, se vorrà ancora le elezioni. Anche il neo-leader del Pd, infatti, vede nelle urne il naturale sbocco di questa fase politica, per far conquistare al “suo” Pd il ruolo di forza egemone dell’opposizione. Oltretutto, Zingaretti non può proprio digerire l’idea dell’alleanza con il M5S, non solo per la sua natura spuria, ma anche perché frutto della trovata politica di Matteo Renzi. Insopportabile, palesemente.
Ad oggi, sbilanciarsi sul possibile successo di questa spericolata ipotesi, con Di Maio premier e Salvini vice equivale più o meno a scommettere sul buon esito dell’abbraccio tra Pd e Movimento 5 Stelle. Anche questa possibilità, infatti, non può essere ancora accantonata, anzi. Perché al capo politico del M5S – che si affanna a smentire – non deve essere proprio andata giù l’ultima settimana. Più remota, invece, almeno nei nomi, la soluzione con Raffaele Cantone a Palazzo Chigi e Parisi al Viminale, al posto di Salvini. Ciò che resta, per ora, è un Di Maio improvvisamente resuscitato dall’azzardata reazione del leader leghista alla trovata renziana. I protagonisti in scena sono loro tre. Il resto è contorno.


+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra:




18/8/2019 - 21:15

AUTORE:
Matteo Renzi

... farò di tutto pur di non far tornare Renzi al Governo.

Tranquillo, omonimo, io non entro nel Governo Istituzionale. Per decenza delle istituzioni e per la salvezza del Paese mi basta che tu esca il prima possibile. Così l’Italia eviterà l’aumento dell’IVA, riprenderà il ruolo in Europa e ci sarà un ministro dell’Interno che finalmente difenda la nostra sicurezza anziché seminare odio.
Io non torno al Governo, tranquillo.

Ma tu quando ti dimetti?