none_o


Due settimane fa abbiamo preso in considerazione, attraverso alcuni aspetti letterari della Divina Commedia, storici e geografici, quello che viene chiamato il Passo di Dante.Sul discorso storico si è detto che ovviamente era un'altra storia. Però credo sia importante, per chi è interessato, saperne di più rispetto a quanto, in maniera spesso superficiale, viene raccontato dal nozionismo scolastico.

. . . meno a sinistra non di scherza a come dare le .....
La breve riflessione di questa domenica è relativa .....
Son d’accordo che la brevità e la capacita di sintesi, .....
. . . . . . . . . . . . . . anche noi sappiamo quanto .....
[Eventi Feronia Guide Toscana]
none_a
San Giuliano Terme, 7 marzo
none_a
GRAVINA “CI ACCOMUNANO INNOVAZIONE E FIDELIZZAZIONE”
none_a
Poste Italiane-Emissione francobollo
none_a
Tele libera il Fortino
none_a
Cascina
none_a
San Giuliano Terme
none_a
Il caso Moro
none_a
  • Circolo ARCI Migliarino

      Consegna mascherine

    Campagna per la consegna della mascherine fornite dalla Regione Toscana per tutti i cittadini di Migliarino.

    Il circolo ARCI aderisce alla iniziativa. Di seguito gli esercizi che hanno aderito dove si possono ritirare e gli orari addetti.

     

    CONSEGNA MASCHERINE PROROGATA FINO A LUNEDI 23 NOVEMBRE (SABATO E DOMENICA COMPRESI)


  • Emergenza del Covid-19

      Misericordie della Toscana


     Cari fratelli e sorelle, adesso più di prima siamo chiamati tutti ad un impegno e ad uno sforzo ulteriore per sostenere le nostre comunità, le persone fragili, i nostri anziani, le persone sole e chi viene purtropp colpito da covid-19...


le conchiglie dei ricordi,
affiorano
sciacquate dal battito
sulla pelle riemersa,
dove sale e libeccio s'incontrano.
Dune ed ombra
s'aggrovigliano .....
Fra uno ( leghista ? ), che parla di mercato delle vacche di Conte, come se il centrodestra non l' avesse mai fatto, ricordate Scilipoti e altri, e .....
di Claudio Robbiani
LA FEROCIA CONTRO RENZI...

16/1/2021 - 9:07

LA FEROCIA CONTRO RENZI...

"UNO SPETTACOLO INDEGNO


Giorni questi, dei quali molti si dovranno vergognare, certo in futuro, come è successo per altri.
Persone di ogni età, sesso, istruzione, partecipano nei social al linciaggio collettivo di un politico, di un uomo, un po' per il gusto sadico di farlo, un po' perché conviene distruggerlo.
Prima della politica fa umanamente pena questo mondo che si scaglia così violentemente contro una persona , il linguaggio usato spesso violento e che incita alla violenza, quelli meno posseduti e accecati dall’odio si limitano alle battute o alle vignette. E questo rito dal sapore precolombiano coinvolge, vi è gara a chi mutila maggiormente, e i media ( escludendo per pietà quelli schierati) che vivono di ascolti e letture, vedendo la corrida partecipano, aggrediscono, si inventano notizie e vi fanno conferenze.
Se lo merita tutto questo? Io credo che nessuno lo meriti, almeno a questo livello di violenza, bassa ed inaudita ed infine quale sarebbe la sua colpa?
Nessuno nella canea entra nel merito delle cose, nessuno di questi si domanda se l’attuale Presidente del Consiglio abbia governato bene, se la gestione della pandemia sia avvenuta nelle migliori condizioni possibili, se il triste record dei morti per Covid fosse inevitabile, oppure se il Mes serve o no, se i 209 miliardi del RF verranno spesi con criterio, se le opere pubbliche siano ripartite o meno e se questa squadra è la migliore per affrontare il difficile futuro.
No, tutto questo non c’è fra le questioni che il branco si pone mentre tenta di sbranare la preda, c’è solo l’offesa ottusa e gratuita, l’odio esternato senza remore e guai se provi a contraddirli, tenteranno di farti fare la stessa fine della preda.
Non posso nemmeno domandarmi come mai ci siamo ridotti così, perché la storia si ripete e quindi non ci siamo ridotti, siamo così, o meglio sono così quelli che così fanno.

Dallo sdegno alla riflessione politica.
La causa? al di là delle ragioni di ciascuno, niente di quanto sta accadendo è giustificato, il governo procede come prima (quasi fermo- vi ricordate qualcosa che non sia un DPCM?), non c’è crisi perché Martedi avremo una pattuglia di senatori che darà la fiducia a Conte, l’incomodo ex alleato che si sforzava ( e un po' c’è riuscito) di migliorare la sconcezza del primo Recovery Plan, non sarà più fra i piedi, ma allora perché le jene all’opera?
Perché oramai è un riflesso condizionato, oltre un decennio di populismo, cioè di demagogia, insomma il metodo di dire al popolo ti darò tutto quello che vuoi, anche se non lo farò mai, oppure le promesse di stato assistenziale, le stralunate ipotesi di G. Casaleggio, tutto questo è stato assimilato più di quanto si creda, l’utilizzo delle bugie di Stato e della comunicazione falsa e spregiudicata ha messo in confusione tanta gente, l’ha incattivita al limite dello stordimento.

Contano solo le battute di tre righe, i troll sguinzagliati sui social per farti credere con un’immagine e poche parole anche ciò che non è vero, lo ha fatto Salvini per mesi, i 5 stelle da sempre e oramai anche pezzi di PD.
Si ritroverà un po' di equilibrio, non solo morale, ma anche pratico per non divorarci a vicenda?

Potrà l’Italia reagire alla drammatica crisi economica che la attanaglia e ancor più nel prossimo futuro? Non lo so naturalmente, ma per come vanno le cose direi di no, non tanto perché siamo carenti di energie positive, aziende ed eccellenze lavorative, condizioni ambientali e culturali ne abbiamo ad iosa, potremo donarle ad altri, credo però che le condizioni politiche, e quindi la guida non sia all’altezza, non è solo un problema di Conte (che pure non mi sembra un plus) è un problema di cultura politica collettiva.

Una nazione nella quale ben oltre la metà degli elettori ha orientamento sovranista e/o populista per intendersi Trumpista ha già di per se’ problemi di connessione internazionale in specie dopo l’elezione di Biden in USA (menomale!) e soprattutto interni perché serve la collaborazione con forze più moderate sia della sx che nella dx per formare governi stabili e soprattutto fattivi. Per assurdo, ma non troppo, l’inguardabile ( per me ) governo Conte 1 giallo verde era molto più coerente, fra se, di altri che si possono formare stante l’attuale ripartizione dei consensi, già il governo Conte 2 è stato abbastanza inguardabile, perché il centro sinistra con i populisti come fu per il centro dx con i populisti, deve registrare un soccombente culturale, allora furono i 5 stelle, oggi il PD.
Purtroppo per i riformisti, per i liberali democratici, il risultato non cambia, alla fine per governare devi diventare un po' sovranista se sei di dx e un po' populista se sei di sx e aspettarsi il rilancio economico e la difesa dei posti di lavoro con queste guide mi sembra assai arduo.





+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri