none_o


In questo nuovo articolo di Franco Gabbani viene trattato un argomento basilare per la società dell'epoca, la crescita culturale della popolazione e dei lavoratori, destinati nella stragrande maggioranza ad un completo analfabetismo, e, anzi, il progresso culturale, peraltro ancora a livelli infinitesimali, era totalmente avversato dalle classi governanti e abbienti, per le quali la popolazione delle campagne era destinata esclusivamente ai lavori agricoli, ed inoltre la cultura era vista come strumento rivoluzionario. 

. . . altrimenti in Italia tutto il potere centrale .....
Sei fuori tema. Ma sappiamo per chi parli. . .
. . . non so se sono in tema; ma però partito vuol .....
Quelle sono opinioni contrastanti, il sale della democrazia, .....
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
Nei tuoi occhi languidi
profondi, lucenti
piccolo mio
inestimabile tesoro
vedo il futuro
il tuo
il presente
quello del tuo babbo
il passato
quello .....
Nel paese di Pontasserchio la circolazione è definita "centro abitato", quindi ci sono i 50km/ h max

Da dopo la Conad ci sono ancora i 50km/ h fino .....
Vecchiano, 26 agosto
“Vecchiano e i suoi Castelli - il Rosaiolo e il Ponte sul Serchio”

23/8/2023 - 16:05


Nel contesto della manifestazione ESTATE VECCHIANESE 2023 si terrà la conferenza: “Vecchiano e i suoi Castelli - il Rosaiolo e il Ponte sul Serchio”.

 

  L’appuntamento è per le ore 21.30 di sabato prossimo 26 agosto 2023 presso la Sala Consiliare del Comune di Vecchiano (PI) durante il quale si parlerà delle civiltà che hanno frequentato l’area di Vecchiano-Pontasserchio dal neolitico fino all’epoca medievale e ci si focalizzerà sul Castello del Rosaiolo e sul ponte medievale scomparso, analizzando la cronologia degli eventi che portarono alla loro costruzione, vita e abbandono oltre alle testimonianze più recenti fra carte rinascimentali, moderne e fotografiche che ne documenteranno i resti.

 

Per quanto riguarda il ponte, niente a che vedere con il ponte più recente che conosciamo e che unisce i due Comuni (che risale infatti al 1858, poi abbattuto durante la Seconda Guerra Mondiale e qui ricostruito) ma del vecchio ponte che univa le due sponde in epoca medievale e che si trovava circa 500 metri più a monte all’altezza della attuale chiesa di Pontasserchio.

 

Dalle cronache arrivate fino a noi si parla di un ponte andato distrutto durante le battaglie tra pisani e lucchesi di fronte al Castello anche lui scomparso (ma del quale si sono ben identificati i resti) vicino alla Torre omonima del Rosaiolo.

 

L'evento vedrà alternarsi uno studio del Gruppo Archeologico Vecchianese ASRSA Odv ed i preziosi interventi di Gianmarco Daviddi, studioso e storico specializzato in ambito subacqueo e di Gabriele Giachetti, studioso e storico del territorio, maestralmente presentati da Stefano Benedetti.

 

La manifestazione è patrocinata dal Comune di Vecchiano e parteciperanno il Sindaco di Vecchiano Massimiliano Angori e l’assessore alla Cultura Lorenzo Del Zoppo.

Una conferenza da non perdere che farà il punto in maniera esauriente sulle vicessitudini che segnarono la storia delle due sponde del Serchio oltre ad aprire nuove interessanti ipotesi sulla posizione e struttura dell'antico ponte.

Siete tutti invitati alla manifestazione.

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

24/8/2023 - 17:31

AUTORE:
Dario

....E' prevista la registrazione video della serata per chi non potrà essere presente?

24/8/2023 - 11:55

AUTORE:
stefano

io vengo da Pisa e dal 2005 abito in Avane mi piace camminare e allora passavo il ponte di ferro e percorrevo il bel percorso Puccini da un pò di anni è stato chiuso il comune dice ha chiuso acque xchè è di sua proprietà ok allora facciamo passerella alternativa parliamo di inquinamento e poi facciamo chiudere una cosa utile come il ponte di ferro spero qualcuno risponda