none_o


L'articolo di oggi non poteva non far riferimento alla festa del SS. Crocifisso che Pontasserchio si appresta a celebrare, il 28 aprile.Da quella ricorrenza è nata la Fiera del 28, che poi da diversi anni si è trasformata in Agrifiera, pronta ad essere inaugurata il 19 aprile per aprire i battenti sabato 20.La vicenda che viene narrata, con il riferimento al miracolo del SS. Crocifisso, riguarda la diatriba sorta tra parroci per il possesso di una campana alla fine del '700, originata dalla "dismissione" delle due vecchie chiese di Vecchializia. 

. . . quanto ad essere informato, sicuramente lo sono .....
Lei non è "abbastanzina informato" si informi chi .....
. . . è che Macron vuole Lagarde a capo della commissione .....
"250 giorni dall’apertura del Giubileo 2025: le .....
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
Colori u n altra rosa
Una altra primavera
Per ringraziarti amore
Compagna di una vita
Un fiore dal Cielo

Aspetto ogni sera
I l tuo ritorno a casa
Per .....
Oggi è venuto a mancare all’affetto di tutti coloro che lo conoscevano Renato Moncini, disegnatore della Nasa , pittore e artista per passione. .....
di Umberto Mosso
LA DIFFERENZA TRA MORIRE E VIVERE.

18/2/2024 - 23:46

LA DIFFERENZA TRA MORIRE E VIVERE.

 

 

Paragonare il caso Navalny con quello di Assange è un ottimo esercizio per concludere che tra i sistemi politici del mondo quello occidentale è di gran lunga il migliore. Non solo perché Assange è vivo ed avrà un processo seguito dai media mondiali di ogni tendenza, ma perché nel caso fosse ritenuto colpevole potrà ricorrere contro la sentenza e comunque non sarà ipocritamente condannato a morte come Navalny.

Non è un caso che Assange quando volle sfuggire alla cattura rimase in occidente pur potendo riparare in un paese “amico” e ora sia in attesa di un regolare giudizio sull’estradizione in Usa nelle carceri britanniche, certamente più civili del gulag di Putin. I media che seguono il suo caso e i suoi difensori non hanno mai denunciato trattamenti inumani o torture come nel caso di Navalny.

Qui se ne leggono e se ne ascoltano tante di idee contrarie al sistema politico occidentale. Ci spiegano ogni giorno l’ingiustizia insopportabile e la miseria materiale ed umana del nostro mondo. Questi campioni dell’uguaglianza e della lotta per la liberazione umana, se fossero oppositori in Russia sarebbero in galera o morti per meno della metà di quello che scrivono e dicono. Evviva, qui siamo diversi da loro!La scia di sangue che dal 2003 segna il passaggio di Putin è impressionante. Più di 20 persone tra giornalisti, ex politici, diplomatici, uomini dei servizi, militari, uomini d’affari. Tutti politicamente eterogenei, ma tutti oppositori del potere dittatoriale del boia del Cremlino. Ce n’è per tutti, dunque non è questione di condivisione o meno di questa o quell’idea, ma solo di riconoscere e condannare senza appello il metodo criminale di governo di un dittatore sanguinario, per il quale secoli di storia sono passati invano e ha trasformato la Repubblica Russa in un Trono di spade.

Fa ribrezzo che certa opinione pubblica sedicente progressista condanni la pena di morte, giustamente senza distinzione tra i crimini compiuti, ad eccezione dei “reati” di opposizione politica a Putin.

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri